Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
LOIACONO MARCO LOIACONO MARCO Pubblicato il 29/12/2006
Entro il 31.12.2006 tutti gli orfanotrofi in Italia dovranno essere ch

Entro il 31.12.2006 tutti gli orfanotrofi in Italia dovranno essere ch

Entro il 31.12.2006 tutti gli orfanotrofi in Italia dovranno essere chiusi, infatti la legge 149 del 28 marzo 2001 decreta “la chiusura degli orfanotrofi e il trasferimento dei minori in case-famiglia o presso famiglie affidatarie.” Cosa significhi questo cambiamento non sono io la persona più adatta a doverlo spiegare, ma vorrei, brevemente, fare riferimento agli- ormai prossimi alla chiusura- orfanotrofi. La parola “orfanotrofio” deriva greco antico orphanotrophêion, composto di orphanós (orfano) e tréphein (allevare), si presuppone quindi una crescita di bambini orfani ma sappiamo che hanno ospitato anche bambini con problemi vari. Spesso vengono descritti come luoghi tristi, cupi, con camere enormi e “fredde” (intese “moralmente”). Proprio oggi hanno trasmesso alla tv un film ambientato in un orfanotrofio dove esisteva addirittura una “stanza delle torture”. Bella la fantasia delle persone. Noi, nel nostro paesino, abbiamo avuto fino a qualche anno fa un orfanotrofio gestito dalle “nostre” Suore Dorotee. Ebbene, lì si respirava un’aria umana, di calore umano. Non crediamo quindi a tutto ciò che ci viene trasmesso dalla tv, perché non tutto è vero. Ricordo ancora quando alcune Suore portavano i bambini al parco giochi, li facevano giocare, serenamente. E non crediamo che i bambini fossero frustrati, le Suore facevano il possibile per farli sentire a casa. Ci tenevo a dire ciò solo per far svanire il luogo comune di: orfanotrofio = luogo triste, cupo, grigio, “freddo”. L.M.

Alia - Viste 255 - Commenti 0