Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
IT ALIA REDAZIONE IT ALIA REDAZIONE Pubblicato il 11/01/2017
ALIA (PA) - MESSAGGIO AUGURALE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

ALIA (PA) - MESSAGGIO AUGURALE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Cari Concittadini,

voglio utilizzare l’occasione dell’anno che inizia per scambiarci i più sentiti auguri per una stagione che speriamo sia migliore di quella che se è andata e per il raggiungimento di quei traguardi di vita che ciascuno di noi ha sempre sognato e sperato, in uno alla realizzazione di sane condizioni di salute e di benessere.

Ma nel contempo il mio ruolo istituzionale di Presidente del civico consesso, assieme ai Colleghi Consiglieri Comunali, mi impone di farmi e di farci l’augurio di potere vivere in una realtà sociale sempre più a misura d’uomo e pronta e capace di soddisfare le legittime esigenze di un cittadino, che, credo, voglia anzitutto vivere in una società che garantisca prioritariamente una vita “normale”.

E cioè quella condizione di vivibilità dei nostri territori che, scevra da aspirazioni ormai non più raggiungibili a causa di una crisi della nostra società, che non riesce più a garantire diritti fondamentali, quali il lavoro per i nostri giovani e la certezza del domani per i nostri piccoli imprenditori a causa di un sistema economico non più sostenuto dalle nostre istituzioni democratiche, almeno offra servizi essenziali ed il decoro dei nostri ambienti.

La stessa recente vicenda referendaria è pertanto conseguenza di questa condizione di crisi, che ha portato a profonde lacerazioni fra Stato e società civile.

Pertanto il presente messaggio augurale è nella speranza che venga recuperato quell’impegno dei vari ruoli istituzionali, acchè diventino sempre più credibili per il cittadino tramite un’azione quotidiana rivolta unicamente al bene comune ed all’appagamento dei bisogni collettivi sulla scorta del mandato ricevuto.

L’esempio dei nostri padri costituenti ci porta ad affermare che i governi stanno in piedi finchè sono utili ed espressione di un progetto, finché sono soprattutto utili ai cittadini amministrati, nel senso che sono capaci di interpretarne i bisogni, individuandone le azioni per realizzarne le soluzioni.

Con queste riflessioni, rivolgo a tutti Voi gli auguri più sentiti per un Buon 2017 !!

Alia - Viste 811 - Commenti 0