Pubblica

Voci Siciliane

INGUAGGIATO SALVATORE INGUAGGIATO SALVATORE Pubblicato il 18/11/2005

Carissime amiche e cari amici, Ringrazio tutti coloro che, in rispos

Carissime amiche e cari amici, Ringrazio tutti coloro che, in rispos

Carissime amiche e cari amici, Ringrazio tutti coloro che, in risposta alla mia richiesta. mi hanno segnalato i nomi di cantanti e cantautori della musica Francese. Dopo l’America sto scoprendo anche la Francia. Grazie, mille grazie. Scoprire è una peculiarità propria dell’essere umano, navigare nei mari e andare verso il mondo è un’avventura gratificante, camminare nelle strade della vita è una necessità e bisogna praticare l`inter-scambio in tutti i sensi, specialmente in quello culturale. Seguire e rivivere le buone tradizioni vuol dire mantenere la memoria in attività. La persona senza tradizione è condannata a seguire la strada della vita senza memoria. **** Lettera aperta alla Comunità ALIESE Signor Sindaco di Alia, Consiglieri, Aliesi oriundi, nati e cresciuti in Alia, emigrati in tutte le parti del mondo, simpatizzanti e affezionati al nostro SITO. Buon Giorno. Sono stato sorpreso quando, dopo aver vissuto per parecchi anni con la dolce abitudine di comunicare con i miei paesani attraverso il nostro sito, leggo che nella fine di quest’anno cesserà. Mi domando: come può morire una possibilità di comunicazione che ha vissuto e sta vivendo grazie all’impegno di un idealista che ha affrontato tante difficoltà pur di tenere il sito quotidianamente aggiornato? Parlo di Enrico Ticli che, per mancanza di aiuto, è costretto a chiudere; facendo così per me rimarrà un triste ricordo, per lui, come dice Lui: “si é trattato di una buona esperienza” ARCA COMUNICAZIONE SOCIALE IL GRUPPO DIRIGENTE DELL'ASSOCIAZIONE ARCA PORTA A CONOSCENZA DI TUTTI GLI ASSOCIATI CHE ARCA ONLUS CESSERÀ AL 31/12/2005. PER QUESTA RAGIONE NON SI ACCETTANO ISCRIZIONI PER IL 2006. Poiché siamo cittadini Aliesi, la continuità del SITO è molto importante per la conservazione e la continuità culturale delle nostre storie, come forma di liberazione della memoria del nostro popolo, dei nostri antichi, delle nostre proprie vite; poiché siamo stranieri, sentiamo il desiderio di incontrarci con la nostra madre terra, anche se è in un modo virtuale, giacché la vita non ci ha permesso di ritornare alle nostre origini. Questo è un sentimento che, con maggiore o minore intensità, é presente nel cuore di tutti gli immigranti del mio bel paese natale. Sono preoccupato dall’idea che vi sia la possibilità di perdere la comunicazione fra gli associati del Sito, che io considero un canale di espressione ed espansione della nostra cultura troppo importante per essere azzerato. Per questo credo che sia interesse pubblico e di competenza della società di Alia, rappresentata dai membri dell'istruzione e cultura, il fatto che io proponga quanto segue alla conoscenza di tutti voi e delle autorità competenti del nostro PAESE. Suggerisco al sindaco di Alia ed ai Consiglieri di dichiarare il sito www.assarca.com : un PATRIMONIO del Comune. Noi esseri umani, siamo di passaggio in questa terra, mentre ALIA, il Comune, è eterno. Per questo, suggerisco di scrivere al Sindaco ed ai consiglieri per sensibilizzarli a far si che l’Amministrazione Comunale dia direttive precise adatte alla continuità di tutto ciò che Il Signor Enrico Ticli ha fatto, da solo, e non può più fare, da solo. Indipendentemente da qualunque sia il colore Politico che lo governerà, il Comune di Alia avrà sempre la possibilità di dare continuità al nostro sito. Oggi, Domani e sempre. Siete d’accordo? Ora vi racconto un fatto che è successo in una regione Alpina. Penso che questa metafora possa spiegare bene la situazione di noi cittadini abituati a non far niente per il bene comune. Alpi Italiani Nelle Alpi Italiane esisteva un piccolo villaggio dedito alla coltura dell’uva per la produzione del vino, ed una volta l’anno si faceva una grande festa per celebrare l’abbondanza della vendemmia. La tradizione voleva che, per questa festa, ciascun abitante del villaggio portasse una bottiglia del proprio miglior vino, da versare in una gran botte che si trovava al centro della piazza principale. Una volta uno degli abitanti pensò: "Perché io dovrei prendere una bottiglia del mio vino migliore? Io riempirò una bottiglia d’acqua, tanto in mezzo a tanto vino, il mio non sarà necessario." Questo pensiero gli piacque e così fece. Alla fine dei festeggiamenti, come era abitudine fare, tutti si incontrarono in piazza, ciascuno con il bicchiere in mano pronti a bere di quel vino la cui fama si era estesa oltre i confini del paese. Ma meraviglia! Quando fu aperto il rubinetto della botte, tra la folla scese un silenzio profondo. Da quella botte usciva soltanto acqua! Come poté accadere questo? Accadde perché tutte le persone pensarono come quel loro compaesano: “la mancanza del mio contributo non é necessaria, non si noterà” Molte volte noi siamo indotti a pensare: "Esistono così tante persone in questo mondo che non inciderà nulla se io non faccio la mia parte." Cosa avverrebbe nel mondo, se tutti pensassimo in questo modo? Tutti abbiamo una missione da portare a termine, la cosa migliore sarebbe quella di sforzarci di fare nel miglior modo possibile... Amando sempre, aiutando, partecipando e ricordando che "L`UNIONE FA LA FORZA". Mettiamo nella botte il miglior vino che abbiamo nel nostro essere: onestà, laboriosità, contributo civico e sentimentale. Chiediamo all’Amministrazione di Alia di ascoltare i nostri pensieri che, di sicuro, sono pensieri di tutti i cittadini, anche se stanno nascosti nei nostri cuori e non hanno avuto l`opportunità di essere manifestati. Attendo un vostro parere su tutto ciò. Un affettuoso abbraccio Salvatore Inguaggiato Rua Comandante Ary Lopes Buono 241 Poços de Caldas- MG- Brasile Telefono (35) 3721 3994 s.inguaggiato@pocos-net.com.br

Alia - Viste 780 - Commenti 0