Pubblica

Voci Siciliane

DITTA MAURIZIO DITTA MAURIZIO Pubblicato il 08/10/2009
Carissimi concittadini, permettetemi di abbracciarvi al mio petto e di

Carissimi concittadini, permettetemi di abbracciarvi al mio petto e di

Carissimi concittadini, permettetemi di abbracciarvi al mio petto e di seguirmi in questo accorato appello al senso di responsabilita´politica! Non tutti se ne rendono conto, non pochi non attribuiscono l´importanza che sarebbe dovuta, e pochissimi (purtroppo) hanno compreso la gravita´della situazione! Alia e´un microcosmo, ma e´dal basso che si vincono le battaglie; solo se le coscienze ricevono una scossa nel proprio intimo si possono cambiare le sorti della storia. Sono profondamente turbato e amareggiato per quello che accade; l´Italia, a mio parere, rischia di assumere connotati politici che ci porterebbero indietro di 70 anni, che ci farebbe escludere dai processi di uguaglianza e parita´di trattamento che sono una conquista di tutte le civilta´occidentali! Io sono del parere che dovremmo iniziare a riflettere seriamente su cio´che con il nostro voto possiamo provocare; incidere sul proseguio del nostro futuro e´possibile, ma quale futuro vogliamo avere? Cari aliesi, io vivo all´estero, ma sento palpare i vostri cuori nel mio, provo le vostre difficolta´e le vostre paure,se gioite io gioisco con voi: vi voglio bene! Non sono un politico, sono una persona che, se potesse, pur di vedervi felici, accolerebbe a se´le vostre problematiche di vita. Vogliamo renderci partecipi della storia e votare non secondo quanto ci dice il politico Tizio o Caio che non fanno altro che approfittare dello stato confusionale in cui si trova la nostra societa´italiana? E´questo cio´che vogliamo: un Paese governato da gente senza scrupoli che ci vuole guidare alla dittatura? Mi appello a ciascuno di voi, ma in particolar modo ai nostri politici aliesi che sono vicini a uomini di partito e schieramenti vicini all´attuale governo nazionale: smettiamola di fare i nostri propri interessi perche´la situazione e´grave, grave, grave!!!! Un politico che termina un´intervista con la frase "viva l´Italia, viva Berlusconi" non vi ricorda una figura che negli anni `30 e `40 procuro´all´Italia tanto dolore? Chi si emula al di sopra e al di fuori della legge che scopi eversivi ha? Scusate cari amici e concittadini per il mio sfogo, ma le lacrime di dolore che in questi giorni fuoriescono dal mio cuore, mi hanno spinto a pensare alle cose piu´care che ho avuto nella mia vita: voi!

Alia - Viste 1178 - Commenti 0