Pubblica

Voci Siciliane

FAI CISL ALIA FAI CISL ALIA Pubblicato il 02/06/2013
31/05/2013
LA FAI VERSO IL FUTURO....
Conclusione lavori V Congresso

31/05/2013 LA FAI VERSO IL FUTURO.... Conclusione lavori V Congresso

31/05/2013 LA FAI VERSO IL FUTURO.... Conclusione lavori V Congresso Nazionale Si è concluso ieri sera a Perugia il V Congresso nazionale della Fai Cisl. Dopo tre giorni di relazioni e di intenso dibattito a cui è intervenuto gradito ospite Raffaele Bonanni il Segretario generale della Fai Cisl Augusto Cianfoni ha concluso i lavori prima del Consiglio generale che lo ha rieletto all`unanimità. Confermata tutta la Segreteria uscente con Rando Devole, Stefano Faiotto, Claudio Risso e Fabrizio Scatà. Tante le Organizzazioni di impresa tra cui Sergio Marini Presidente Coldiretti e Mario Guidi Confagricoltura, Gabriele Cardia Federalimentare, Roberto Caponi Confagricoltura, Claudia Merlino CIA Luigi Giannini Federpesca e Giovanni Giovani di Confartigianato. Molti manager di imprese e di grandi gruppi dell`industria alimentare e tanti Segretari confederali nazionali e Regionali della Cisl tra cui Ulderico Sbarra Segretario generale dell’Umbria. Cianfoni concludendo i lavori ha delineato la griglia dei futuri impegni della Federazione: “la Fai e la Cisl - ha detto - debbono confermare il loro impegno per portare le Istituzioni e la Politica dentro i problemi del Paese. Ripartire dal lavoro in imprese competitive e responsabili affinché esso sia dignitoso e partecipativo”. “La partecipazione - presupposto per la crescita della produttività - ha insistito più volte il Segretario della Fai - non dobbiamo soltanto rivendicarla alla Politica e alle aziende, ma dobbiamo viverla e farla vivere anche nel Sindacato”. “Ripartire dal lavoro, secondo la Fai – ha proseguito Cianfoni - significa impegnarsi in misura straordinaria verso una completa riorganizzazione dei livelli contrattuali a favore del secondo che per noi si articola tra azienda, Territorio e distretti. Ma anche il Mercato del Lavoro è tema su cui Sindacato e Parti datoriali devono assumere impegno e affidamenti straordinari riappropriandosi del Collocamento in entrata e della Formazione bilaterale. Quanto alla riorganizzazione interna che la Cisl sta conducendo, la Fai conferma la propria convinta cultura confederale ma avverte che ogni riforma deve essere ancorata ad un sano realismo e avere come unico orizzonte la tutela dell`Associato e le migliori strategie di proselitismo. La nostra società, le nostre imprese, la Politica hanno bisogno di più Sindacato a patto che nel sindacalismo prevalga la cultura riformatrice, nelle imprese una solida disponibilità verso la partecipazione dei lavoratori e nella Politica una vera cultura democratica”. “Nei documenti programmatici il Congresso della Fai conferma la propria adesione al Progetto di futura unificazione con la Filca che - ha concluso Cianfoni - per diventare una vera forte sinergia avrà bisogno di tempi adeguati al delicato lavoro di innesto tra i due Gruppi dirigenti in ogni Territorio e nel costruire, anche mediante una strutturata Formazione, metodologie univoche nel proselitismo e nel presenziare il Territorio. Il 22 giugno porteremo alla manifestazione di Roma il comune sentire dei nostri associati per un’Italia e un`Europa dall`economia più forte, ma socialmente più giusta”.

Alia - Viste 997 - Commenti 0