Voci Siciliane

SIRECI PIETRO SIRECI PIETRO Pubblicato il 19/08/2016
LIGNU TUORTU

LIGNU TUORTU

LIGNU TUORTU Chi curpa avi dd`alberu stuòrtu, si quannu era nicu, i so patrùna nun lu sàppiru addrizzàri?! Quannu vìttiru cha sbirsàva di na parti, l`avìanu ad attaccari a na stanga pi guidarlu. Inveci u lassàvanu pènniri dunni capitàva; e lu vièntu e la pioggia lu sturcìanu cchiu assai. L`alberi dda vicinu ci facìanu tanta ùmmmira; e iddu, o puòstu di spostàrisi, taliàva versu nterra. Cu passàva passàava lu scanzàva pi nun sbàttiricci la faccia; àutri c`acchianàvanu di ncùaddu. Ci trippàvanu nna schiena e satàvanu di dda supra; s`addivirtìanu e pi gghiunta lu disprizzàvanu. Ma d`un puntu di lu troncu di st`alberu bistrattatu, nascìu na vota un ramu ca... era di caratteri. Ncuntràva puru iddu tanti ostacoli, ma ntròpitu nun si pirdìa d`animu, si facìa forza e ja avanti. Di jornu in jornu acchianàva drittu versu u cielu, e u suli lu rinnìa grossu e vegetu di fogghi. Spuntàrunu li gemmi di li sciuri; i rami addobbavanu di biancu come ornamentu di na sposa. Dda vicinu l`aria si profumava, e doppu, i sciuri divintàrunu frutti dorati, abbunnànti e maturi. La genti si priàva a taliàri l`alberu ca finalmenti, grazi a lu so ramu, avìa datu nova vita a la so vita. U vecchiu troncu curvu, pur`essennu cunfurtatu dall`alberu novu, era sempri cchiù deboli, fino a quannu si spizzàu e caddi n`terra. U ramu nuovu, divintatu robustu cuomu alberu veru e propriu, desolatu, chiancìu amaramenti, e gli onorava la memoria. Traìu nova linfa di ddi comuni radici, dunni fu sparsa la cinìri; e allura si pigghiàu l`impegnu d`essiri ancora cchiù produttivu. Nna l`anni a vèniri, tanti pittura vòsiru mmortalari nne so tili ddi nuovi e meravigghiusi frutti ca parìanu cuomu l`oru. LEGNO STORTO Che colpa ha quell`albero storto, se quando era piccolo i suoi padroni non lo seppero far crescere dritto?! Quando videro che pendeva da una parte, l`avrebbero dovuto legare ad un paletto o tutore per indirizzarlo verso l`alto. Invece lo lasciavano pendere dove capitava; e il vento e la pioggia lo storcevano ancor di più. Gli alberi vicini gli facevano tanta ombra; e lui, anziché girarsi verso il cielo, stava rivolto verso terra. Chiunque passasse gli girava di lato per non sbattervi contro la faccia; altri gli salivano addosso. Gli ballavano sulla schiena e saltavano da lassù; si divertevano e per giunta lo disprezzavano. Ma dalla parte bassa del tronco di quest`albero bistrattato, è nato una volta un ramo che... era particolarmente pregiato. Incontrava pure esso tanti ostacoli, ma intrepido non si perdeva d`animo, si faceva forza e andava avanti. Di giorno in giorno saliva dritto verso il cielo, e il sole lo rendeva robusto e vegeto di foglie. Spuntarono le gemme dei fiori; i rami addobbavano di bianco come ornamento di una sposa. Lì vicino l`aria si profumava, e dopo, i fiori diventarono frutti dorati, abbondanti e maturi. La gente si compiaceva ad ammirare l`albero che finalmente, grazie al suo ramo, aveva dato nuova vita alla sua vita. Il vecchio tronco dell`albero curvatosi verso terra, pur confortato dalla forza e dal vigore di quel suo nuovo ramo, diventava man mano sempre più debole, fino a quando cadde spezzato per terra. Il ramo nuovo, irrobustìtosi e divenuto tronco di un albero vero e proprio, rimase desolato e pianse amaramente; era comunque consapevole che ne doveva onorare la memoria. Trasse nuova linfa dalle quelle comuni radici, nella cui terra era stata sparsa da poco la cenere dell`amato vecchio tronco; si prodigò allora ancor di più a essere produttivo. Negli anni successivi, vari pittori vollero immortalare nelle loro tele quei nuovi e meravigliosi frutti dorati. Sireci da Caltavuturo

Caltavuturo - Viste 1948 - Commenti 2