Pubblica

Voci Siciliane

VICARI LUCIO VICARI LUCIO Pubblicato il 12/03/2011
Cosa potevano rubarci i pirati arabi, se non le cose più belle

Cosa potevano rubarci i pirati arabi, se non le cose più belle

Cosa potevano rubarci i pirati arabi, se non le cose più belle della Sicilia, ovvero il sole, le arance, il mare, e gli occhi bellissimi delle nostre siciliane lucenti come le stelle. Arrivaru li navi, tanti navi `mPalermu li pirati sbarcare, cu li facci di `nfernu N`arrubbaru lu suli, lu suli Arristammu a lu scuru, chi scuru, Sicilia, chianci Tuttu l`oru a l`aranci, li pirati n`arrubbaru li campagni spugghiati cu la nigghia lassaru N`arrubbaru lu suli, lu suli Arristammu a lu scuru, chi scuru, Sicilia, chianci Li culura a lu mari, n`arrubbaru, chi ddannu! Su `mpazzuti li pisci, chi llamentu chi ffannu N`arrubbaru lu suli, lu suli Arristammu a lu scuru, chi scuru, Sicilia, chianci A li fimmini nostri ci scipparu di l`occhi dda lustrura e lu focu c`addumava li specchi A li fimmini nostri ci scipparu di l`occhi dda lustrura e lu focu c`addumava li stiddi N`arrubbaru lu suli, lu suli Arristammu a lu scuru, chi scuru, Sicilia, chianci Sono arrivate le navi, tante navi, a  Palermo. I pirati sono sbarcati con le facce d`inferno. Ci hanno rubato il sole, restiamo allo scuro, che scuro! Sicilia, piangi! I pirati hanno rubato tutto l`oro alle arance, hanno lasciato le campagne spogliate, con la nebbia. Ci hanno rubato i colori del mare, che danno, sono impazziti i pesci, che lamento che fanno. Alle nostre donne hanno strappato dagli occhi quella luce e quel fuoco che accendeva gli specchi e le stelle. Ci hanno rubato il sole, restiamo allo scuro, che scuro! Sicilia, piangi!

Alia - Viste 947 - Commenti 0