Pubblica

Voci Siciliane

IT ALIA REDAZIONE IT ALIA REDAZIONE Pubblicato il 25/09/2016

Poesia -La Festa Di La Madonna- Ricuordi d`un viecchiu scularu - di Antonello Ferrara

LA FESTA DI LA MADONNA (di Antonello Ferrara)

 

Trasiennu lu misi di Lugliu,

si viri la gente in grandi subbuglio

picchì iurnu 2 di stu misi,

aviemu la festa Patrunali di lu paisi.

La Madonna di Li Grazi di La Matrici

è la Nostra Matri prutittrici

e na st`occasioni qualcuno ciu cuntentu e felici

La prega cu firvuri pi la Grazia ca ci fici.

Iorna prima di sta Solennità accussì importanti

n`capu tanti cami di lu rumuri assurdanti

arrivanu carricati li firanti

mienzu a la fudda di genti già fistanti.

Luongu lu cursu principali sfarzusi luminari

fannu mustra cu splindenti di culura vari

mentri li firanti, finuti ormai li feri di cunsari

aspettanu di vinniri pi putiri stimpuniari.

Lu 2 matina si senti bummiari

e pua la musica sunari

pa ricurdari a tutti

ca la festa sta p`accuminciari.

Li musicanti sonanu cu granni talientu

datu ca chistu è un Sulenni mumientu.

Na stu iornu di festa

quasi nuddu intra arresta

e pi sta ricurrenza speciali

si rendi anuri a Sta Bedda Matri Celestiali.

La genti curri a vidisi la Missa

picchi rispiettu a tutti l`autri

chista unnè la stissa

e cu la fudda stipata pissinu davanti a lu Sacratu

accumincia a diri missu lu prilatu.

A la fini di la celebrazioni

provanu tutti una forti emozioni

e comu signu di tanta devozioni

scatta l`applausu di la populazioni.

Quannu è aura di la Procissioni

cumincia a essecci una gran cunfusioni

la genti scausa cu lu ciruni in manu

si movi furmannu un sirpintuni umanu

Purtata n`capu la vara

la Madonna Di Li Grazi

passa pi li strati, n`ta li chiazzi,

e scinniennu paggliri lu chianu

c`è cu canta e prea cu lu rusariu in manu.

Appena unci di rituornu n`ta lu Sacratu

u Simulacru n`terra veni pusatu

e cu tanta partcepiazioni la genti assisti

a statra funzioni.

A la fini di sta Sulenni iurnata

sona arrieri la musicata

e la fudda ormai spinsirata s`ascuta puru la mascuniata.

Pua n`ta lu tardu di sta sirata accussì afusa

fra tanta cunfusioni e allegria cuntaggiusa

la genti misa n`ta la chiazza ranni a la rinfusa

si godi lu spittaculu di la cantanti famusa.

 

Antonello Ferrara

(tutti i diritti riservati)

 

 

 

 

 

Alia - Viste 3772 - Commenti 0