Pubblica

Poesie Siciliane

LO BLUNDO CLAUDIA LO BLUNDO CLAUDIA Pubblicata il 01/01/2014

A NASCITA DU BAMBINIEDDU

‘N’amuri di njunato
scinnju di lu cielu
Avia l’ucchiuzzi teneri
la vucca ca riria
Tutta la gente attornu
taliava ammaljata
Ma quannu lu sintietti
sinni fui scantata.



Riceva cu u surrisu:
‘Amativi criaturi
Siti figghi di Diu - aviti lu so amuri.
Chissù sti lotti eterni
sti guerre fratricide,
cu arrubba
cu cumanna
cu mancia pani a ufu
cu affama i puvireddi
ammazza
droga
e stupra?


Tutta a povera genti
Pensò: “Venne o Missia
finìù a tragedia nostra
Sia pace e così sia”



U picciriddu ancora
rirja e binidicia
E l’angeli cantavano:
Sia Pace ed Alleluia!”

Certi li diridivanu:
” Chi stupidi ‘nfatuati
Nenti cagna a stu munnu
vui… siti… cundannati!”

Rispunnetteru a migliara,
‘n coro, tutte le genti:
“Fin quannu avemu a forza
e talià sta creatura
Tenimmo la speranza
ca cagniate pure vuie!”.

Traduzione dal siciliano)
La nascita del Bambinello

Un amore di neonato
Discese dal cielo
Aveva gli occhietti dolci,
La bocca che rideva.
Tutta la gente intorno
Guardava ammaliata
Ma quando lo udì(parlare)
fuggì spaventata.

Diceva col sorriso.
“Amatevi creature,
Siete figli di Dio
Avete il suo amore.
Cosa sono queste lotte eterne,
Queste guerre fratricide
Chi ruba, chi comanda
Chi mangia pane in abbondanza
Chi affama i poveri
Ammaza
Droga
Stupra?”

Tutta la povera gente
Pensò: E’ arrivato il Messia,
è finita la nostra tragedia,
sia pace. Finalmente”.

Il bambino continuava
A ridere e benedire
E gli angeli cantavano:
“Sia Pace ed Alleluia!”

Alcuni li deridevano
“Che stupidi infatuati,
niente cambia in questo mondo
voi…siete…condannati!”

Risposero a migliaia
In coro tutte le genti:
“Sino a quando avremo la forza
Di guardare questo Bambino
Potremo sperare
Che cambierete anche voi!”











Letture 986 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com