Poesie Siciliane

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DI PASQUALE FRANCA DI PASQUALE FRANCA Pubblicata il 19/12/2012

LA STIDDA DI NATALI



Ricordu, quannu avia cinc’annuzzi, ca l’arma santa di la nonna mia
Dicia sempri ca li stiddi ‘cielu su ancili di Cristu Redenturi.

Dda vicchiaredda, cu prufunnu amuri, parrava di ddu regnu senza fini
Unni lu sdisanuri e la vergogna, l’odiu e la puvirtà nunn’hannu spini.

Chiddu, dicia ricordatillu sempri, è un regnu ca mai s’ha conquistatu,
faciannu guerra o cu la priputenza, ma cu l’anima netta di piccatu!

E un juarnu anticu si staccau na stidda spanniannu nni sta terra la so luci
Di Ridinzioni, Paci, e Fratellanza … Pua, ppi genti storta, finiu ‘ncruci!

Ora ca sugnu granni, miu Signuri, ascuta sta prighiera ca Ti fazzu :
Stidda, arritorna ‘nta ‘sta terra ‘nfami, unni l’umanità nisciu di siennu.

L’uomini bianchi, nivuri e alivastri. Fa divintari tutti d’un culuri;
falli cchiù buani, pigghiali pi manu, scancella la miseria e lu duluri!

E si ppi casu, pi li vili giuda, ‘na nova cruci s’assignassi a Tia,
fa ca risplendi eterna la tò stidda ppi comu m’insignau la nonna mia…


Riccardo Di Pasquale
Catania


da una raccolta di Franca Di pasquale

Letture 769 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com