Voci Siciliane

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
MARIA CRISTINA RIFUGIATO MARIA CRISTINA RIFUGIATO Pubblicato il 14/02/2012
Il 26/01/2012 si è tenuta ad<a href='https://www.assarca.com/co

Il 26/01/2012 si è tenuta ad Alia ,nei locali dell’ITC una conferenza sull’Aschoà. Oltre alle cinque classi della ragioneria,nell’incontro sono stati coinvolti anche i ragazzi della 1°classe del nuovo indirizzo alberghiero,insediatosi proprio in un’aula dell’istituto. La scolaresca e i docenti hanno avuto l’onore di avere come ospiti per quest’occasione la poetessa Francesca Albergamo supportato dalla preziosa presenza di Armando Di Martino,il quale ha recitato insieme a lei delle poesie. Ma procediamo per ordine. L’incontro è iniziato dopo la seconda ora di lezione,i ragazzi sono stati radunati al piano terra dove,per cominciare hanno potuto prendere visione di un breve documentario schock dal titolo,appunto,”Schoking footage from Auschwitz”. Il reportàge, seppur in francese, era facilmente comprensibile a tutti,perchè non erano le parole a parlare ma le immagini. Dapprima queste apparivano prive di significato,dato che raffiguravano persone e bambini come tanti,ma a cui hanno fatto seguito le foto dei cadaveri di quelle persone morte nei cosiddetti campi d concentramento o d gente ancora viva ma il cui corpo era stato divorato dalla fame e dal duro lavoro a cui era sottoposto. Tenendo inoltre conto del fatto che essi venivano torturati,lasciati senza mangiare per giorni e come si è visto dal documentario,tenuti nudi al gelo. Le immagini erano molto cruente,ma non c’è alcune volte,altro modo o maniera migliore per dire la verità. Per rafforzare questo concetto di sottrazione della dignità umana da parte delle SS,gli operatori materiali dei massacri,Armando ha letto la poesia”Se questo è un uomo”. Subito dopo i nostri ospiti ci hanno fatto ascoltare “La farfalla”:parla della piccole cose che a noi possono apparire banali ma che in realtà sono da considerarsi molto importanti,sopratutto per chi la possibilità d assaporarle,ad un certo punto non ce l’ha più avuta perchè negatagli,così,da un giorno all’altro e senza un valido motivo. La poesia forse più toccante è stata”scarpette rosse”, raccontava della parte probabilmente più spietata,orribile e insensata del massacro,della tragedia dentro la tragedia:l’uccisione di miglia di bambini,si stima circa 2000. In questo scandaloso pezzo d storia,da nessun punto di vista giustificabile,è impossibile anche solo pensare o credere che dei pazzi possano essersi accaniti con degli esseri così indifesi,con chi,più di tutti dovrebbe essere amato e reso felice. Risulta già impossibile che certi trattamenti siano stati riservati ad ebrei,omosessuali,a persone di un certo orientamento politico e a persone portatrici di handicap,immaginiamoci a dei bambini. Non è capibile ma è più comune,rifacendoci al concetto di XENOFOBIA=PAURA DEL DIVERSO,avere qualcosa contro uno stato,una persona omosessuale o disabile piuttosto che con un bambino. C’è infatti da dire che ad alcuni faceva anche piacere che certe categorie di persone sparissero dalla faccia della terra,proprio come spiegavano i versi di una delle poesie lette. Pazzia!?! forse!solo la pazzia in effetti può essere l’unica spiegazione plausibile per tutto questo. Ma erano tutti pazzi? Beh, non so, è difficile comprendere,perché non si può parlare di fanatismo dato che in questo caso ha davvero sorpassato il limite lasciando spazio alla follia. Questo martirio continuò ad essere esercitato per un certo periodo di tempo senza che nessuno,tra la popolazione rimasta libera,reagisse. C’era chi non agiva per paura,chi perché i sentiva impotente e chi per INDIFFERENZA,perché tanto tutto quello che stava accadendo non li riguardava in prima persone e né coinvolgeva qualche loro familiare. Quasi la stessa fredda indifferenza con cui agivano le SS che torturavano e uccidevano i prigionieri ,la medesima con la quale,oggi qualcuno continua a negare che questo genocidio sia realmente accaduto in tutta la sua crudeltà. Proprio sull’indifferenza ha voluto porre l’attenzione Francesca, leggendo una poesia insieme ad Armando,quasi a volere rafforzarne il valore delle parole. Sentendo parlare dell’olocausto pare proprio di sentire la storia di un film dell’orrore o di una brutta, bruttissima favola. Ma come in ogni favola che si rispetti, qualche volta anche nella vita arriva il lieto fine,pure nella situazioni più tragiche e di solito grazie all’intervento di un eroe. Di eroi possiamo perciò parlare quando c riferiamo a coloro che hanno liberato i prigionieri da questo supplizio,anche se per chiamarli precisamente si usa il termine partigiani. La signora Albergamo è figlia di un partigiano ed è venuta per raccontare la storia del padre. Uno di quei uomini che ha preso il coraggio in mano ed è certo che ce ne sarà voluto moltissimo, un uomo che ha deciso di non soccombere ma di ribellarsi, uno di quelli che non si è lasciato coinvolgere dall’indifferenza ed è partito per quello che da quel momento avrebbe preso il nome di movimento della resistenza. A questo punto la storia del signor Giovanni,così si chiamava questo eroe della libertà,si incrocia con la storia delle foibe. Un’altra tragedia quasi analoga all’olocausto. Partito per lottare,il signor Albergamo ,venne catturato dai soldati tedeschi e riuscito a scappare grazie a dei partigiani slavi si salvò grazie alle generosità di una donna che lo ospitò in casa propria,facendolo nascondere in un letto e che al passaggio dei soldati disse loro che sotto quelle coperte c’era il figlio molto malato. Esempio di grande altruismo, valore di cui sentiamo molto la mancanza oggi, ma molto presente a quei tempi in cui c’era povertà materiale ma ricchezza di nobili sentimenti anche mentre,paradossalmente, c’era chi faceva la guerra. Proprio sulla travagliata storia del padre, Francesca ha scritto “Raccontami”,una poesia presente nella propria raccolta pubblicata con il titolo”La maggioranza sta”. Mentre leggeva quei versi,si sentiva l’emozione trapelare dalla sua voce,si intuiva la commozione per il ricordo del padre scomparso e per la grande missione che egli con grosso spirito di sacrificio ha portato avanti. Ad un certo punto,questa figlia fortunata,così potremmo chiamarla,ci ha mostrato le onorificenze donate al padre. In quel momento erano evidente tutta la fierezza e l’orgoglio per essere stata creata e cresciuta da una persona così. Il programma di quest’incontro si è quindi concluso con l’ascolto dei canti partigiani,i canti della liberazione! In ultimo ma non per ultimo in ordine d’importanza,Francesca ci ha fatto notare che dobbiamo stare sempre allerta perché la situazione politica del medio oriente ma anche lo stato in cui versa la società odierna,ci fanno capire che siamo sempre a rischio persecuzione.. Ci ha fatto un esempio che a me è molto piaciuto e che condivido in pieno: ha parlato della disabilità. Ha fatto presente che ancora oggi si tende a pensare che la disabilità sia un mondo a parte e che perciò così facendo si fa un vero e proprio ghetto e che anche questa è persecuzione. Perchè ricordiamoci sempre che la motivazione dichiarata dell’olocausto è stata la convinzione della superiorità della razza ariana su tutti e tutto e quindi, la smania di supremazia da parte di Hitler , il fautore di tutto questo. Le due cose sembrano scollegate e invece non lo sono,perché facendo discriminazione nei confronti dei diversamente abili,considerandoli peggiori,elementi da evitare o anche solo considerandoli diversi nel senso brutto del termine ,cioè inferiori ,inutili da ogni punto di vista,esercitando quindi nei loro confronti compassione,non si fa altro che ripetere ogni volta una sorta di aschoà. Già, perché non è detto che una persona per essere torturata debba necessariamente subire delle sevizie fisiche o che per morire debba per forza arrivare alla morte del corpo. In tutto questo non è stato spesso nominato il Signor Armando, ma non perché la sua presenza non sia stata importante ai fini della buona riuscita della conferenza. Tutt’altro! egli ha recitato alcune delle poesie ma facendolo non ha semplicemente messo delle parole una dietro l’altra. Si percepiva piuttosto,che quelle che diceva lo sentiva, che era emotivamente coinvolto,che si rendesse conto della mostruosità della situazione che leggendo ci descriveva. Per far ciò occorre avere una grande profondità d’animo e il signor Di Martino ,anche agli occhi di chi non lo conosce sembra proprio esserne dotato. Ringraziamo dunque Francesca e Armando per aver accettato il nostro invito. Un grazie va anche al professore Albano,il docente di italiano grazie al quale è stato possibile mettere all’opera l’incontro essendosi occupato degli incontri organizzativi con gli ospiti,ovviamente tutto si è potuto svolgere sotto l’autorizzazione della direzione dell’istituto. In questa giornata, molto toccante e meritevole,secondo me,di essere raccontata nei minimi dettagli,si sarebbe potuto fare ancora di più. Arrivederci dunque al prossimo anno, nella speranza di poter organizzare,avvalendoci di tempi più lunghi,un incontro ancora più esauriente per tenere sempre viva la memoria e per… NON DIMENTICARE!

Alia - Viste 846 - Commenti 17
BARREL 20 LITERS ARTISAN BEER FATA MORGANA SAISON STYLE 6.9% VOL

BARREL 20 LITERS ARTISAN BEER FATA MORGANA SAISON STYLE 6.9% VOL

Location of production and bottling: Montemaggiore Belsito - Palermo - Sicily



www.shop-e.it