Poesie Siciliane

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DRAGO CALOGERO DRAGO CALOGERO Pubblicata il 23/11/2012

TORNU

Tornu ogni tantu
a truvari u me paisi.
Tornu di straniu,
iu ca pi li strani sugnu Alisi.

Tornu, mi fermu,
mi piaci ricurdari.
Nenti è canciatu…….oppuru
li me occhi cumincianu a babbiari?

Certu, ora ca l’età
si fà cchiù granni,
li cosi nun li tiegnu
‘nti la menti.

Mi scordu nomi,
mi scordu cu è parenti,
mi scordu li strati,
mi scordu li facci di la genti.

Amu pinzari a li tempi passati,
quannu carusu iucavu pi li strati.
Amu pinzari a tutti li me amici,
e ddi passiati a circari ziti.

Curri la menti
e si inchi di pinzera.
Batti lu cori
forti finu in gola.

Si inchinu l’occhi
e nun si ponnu cchiù firmari,
scinninu ucci amari
e chini di sali.

Calogero Drago

Letture 595 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com