PASTOR ALIA

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 05/12/2005
<b>PASTOR  ALIA </b>

PASTOR ALIA



Dominiddiu è lu me' Patruni,
ia, cratulicchiu, di la so' mannira,
sugnu vutatu a piecuri e sischi,
siscuna, quarari e caciu friscu.

Mi voli beni quantu sap'Iddu,
nenti mi po' mancari sutta d'Iddu.

Prima d'affidàrimi la mànnira,
mi detti 'na mazza di piru praniu,
pi difénnimi di li nimici,
ma ia, praticamente, mi nni siervu
pi mazziàrici ciciri e favi,
e un vastuni di salaciu mi detti,
chiù tenniru di l'ossa di lì piecuri,
ca su' lu tuttu di la masseria,
picchì senza d'iddi cuomu putìssimo
manciari pani e caciu tuttu l'annu?!..

Accussì, si lu granni patriarca,
Noè, insitaturi di magghioli,
'un avissi passatu pi sta vaddi,
cuomu viviri supra cci putissi
du' ita di sucu di catarrattu,
ammiscatu cu' 'nzolia e camillina?!...

Mi inchi lu sciascu di lu miegghiu vinu
e cchiù di'na vota mi racccumanna
d' 'un nni li fari luonghi li sunati...

Cu li 'nziri mi manna a Li Canciddi,
viviri mi fa nna lu so' càlici
ed ammugghiari nni la so' maidda.

E, la sira, si mi doli la carina,
duoppu un gnuornu d' abbattugghiari,
mi la massaggia cu uogghiu d'oliva,
acchicchiannu a lu lustru di cannila.

E cchiù chi Patruni Patri mi pari.

di Didacus

pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.2/05, pag.4


Viste 3575 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali