Carnilivari e lu s tistamientu

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
RUNFOLA ITALO RUNFOLA ITALO Pubblicato il 14/02/2010
<b>Carnilivari e lu s tistamientu</b>

Carnilivari e lu s tistamientu

Carnilivari e lu s tistamientu


Nsciu na vota l'annu e all'annu muoru,

nunn'haiu patri, matri, frati o suoru,

e cu st malasorti m'addutaru

di nunn'avri puostu 'ncimiteru.


Sugnu lu pirsunaggiu cchi sbriusu

di st munnazzu laidu e fitusu

e, a la m ricurrenza, com' d'usu,

poveri e ricchi pigghiu pi lu nasu!


Tra gran manciati di sasizza e carni

lu vini si cunsuma a sarmi a sarmi,

tra canti e balli a lustru di lanterni

la m carogna pronta pi li viermi!


Ora ca la m vita a lu finiri,

ogni ricchizza mia vuogghiu addutari,

chiamti lu nutaru pi stilari

lu tistamientu di Carnilivari!


Eccumi a vui, ia sugnu lu nutaru

e sugnu prontu a priparari l' attu,

e vui, bon viecchiu, misu 'ncataliettu

spartti lestu lu vostru tesoru!


Vuogghiu lassri a li puliticanti

cusuzzi priziusi e 'mpurtanti,

a st'uomini ca nscinu di nenti

e s trattati sempri malamenti!


Sanu bianchi, russi o tricculuri,

sanu virdi, nivuri o cancianti,

cci lassu quattru petri d'ammulari

pi quantu si cci affilanu li dienti!


E pua cci lassu puru, a sti mischini,

sei sacchi di dintera di diamanti,

ca siennu fatti gran pirsuni fini,

puonnu manciari cchi decentementi


Lass li robbi mia sfardati e luordi

a li novanta nostri diputati,

ca s riddutti nuri ed' affamati

d'un populu cunn'anni dignitati!


Cci lassu a lu cunsigghiu cumunali

l'arti di fari 'mmruogghi e mal'azioni,

di fari piscia fora d'u rinali

e ruvinari l'amministrazioni!


A li 'mpiegati cumunali lassu

un cannavazzu di cuttuni gruossu

pi quantu, 'nta li jorna di calura

s'asciucanu di 'ncuoddu li sudura!


A li 'ncignera lassu dd strummientu

chi servi a misurari la pinnenza,

quantu nun fannu strati di turmientu

ca duoppu chi s fatti ogn'unu scanza!


Cci lassu puru un viecchiu ducumientu,

ca mi lu detti chiddu chi la fici d'antica storia sulu munumientu!


A li spazzini cci vuogghiu lassari

lu inistraru di la Craparedda,

quantu accuss si puonnu saziari

ddi scupuliari ogni strata o vanedda!


Ia lassu a li 'nfirmera e a li duttura

un pocu di cuscenza e di bravura,

pi quantu, visitannu di primura,

nun scancianu cravunchia pi tumura!


A la Giustizia, na valanza nova,

na spata di l'azzru cchi tagghienti,

pi dari a li riati giusta prova

un paru d'ucchialuna a quattru lenti!


L'eredit chi lassu a l'Avvucati

e chidda d'un pigghiari li difisidi malacarni e di sfardacammisi!


Lassu a li sbirri l'arti di sparari

cu mano ferma e senza titubanza,

cci lassu l'arti di sdirradicari

di mafia e tirrurismu la simenza!


A li maestri di scola cci lassu

na lavagnedda e tanticchia di gessu,

pi fari scola giusta 'nta lu spissu

'nveci di sparrari e ghiri a spasso!


Ed'a li prufissura ia cci lassu

libbra di Danti di Petrarca e Tassu,

picch la lingua d'ora, 'nt lu spissu,

cosa di ittalla 'nt lu cessu!


Lassu siti di scenza a li studenti

ca di sti tiempi sunnu assai gnuranti,

cci lassu puru n'atra divuzioni

parrari cu modestia e ducazioni!


A circoli sportivi e di cultura

cci lassu libbra di letteratura,

siennu ca a fari sports hanno gran cura

e la cultura ogn'unu la trascura!


A li picciuotti d'ora lassu dittu,

ca 'nta un librazzu viecchiu c'era scritto:

"Fari l'amuri certu unn' piccatu

a tiempu gistu ed'a luocu appartato"!


A li parrini lassu, sani sani,

triccientumila cordi di campani,

pi fari guadagnari giusto pani

a un paro di 'nnuccenti sacristani!


Cci lassu puru un libbru di latino,

antica lingua, lingua di parrinu,

di lingua ca di certu non fissa,

na lingua giusta p diri la missa!


A li bizzuocchi lassu st sintenza

ch' scritta cu lu sangu di st vini:

Priati a Diu e facti pinitenza

lassti 'npaci Monaci e Parrini!


Lassu a li ricchi la magnificenza,

e di lu maluccori la semenza,

e si arricchieru cu la priputenza,

cci lassu d pidati 'nt la panza!


Lassu a li puvurieddi li trazzeri,

vuoschi di funci e virdureddi amari,

e p'aiutalli a putri campari,

cci lassu la spiranza d'arricchiri!


A li putiara lassu la cuscenza

di fari giusti priezzi e unn'arrubbari,

di frisi tra d'iddi cuncurrenza,

cu giustu viersu e senza esagerari!


U micruscopiu lassu a li vuccera

pi nun scanciari trinca pi filiettu,

p'un dare pi bistecche masciddara

o suttacuda pi punta di piettu!


All'artigiani lassu fumo e boria

e l' arti di sunari la chitarra,

per cci dicu puru ca la storia

li chiama: "pistilenza di la terra"!


Ia la pacienzia lassu a li viddani,

di soppurtari malutiempu e arsura,

ma di nun fari comu f lu cani

c'amminazzatu s'ammuccia la cura!!


Li furfici li lassu a quattro amici

ca fanno risidenza 'nt la chiazza,

ca lu mistieri chi cchioss cci piaci

cusiri e 'ncimari cu sputazza!


Lassu a li sparrittera abbituali

na codda chi cci 'mpiccica a li dienti,

picch parrnnu, spissu fannu mali,

a li nnimici e puru a li parienti!


A cu mi sparra e a cu mi voli mali

lassu un cafisu d'acitu e di feli,

a cu mi voli beni e m'ha stimatu

lassu di l'arma mia lurtimu sciatu!


Lassu a li 'nfami un pizzuddu di pani

cunzatu cu l'arsenicu putenti,

pi fari la fini chi fannu li cani

quannu 'nfamiannu cunsumanu la ggenti!


Lassu cuntentu st munnazzu amaru,

ca li gran peni m'ha fattu suffriri,

a cu nunn'avi cchi fidi e decoru

a cu nun sapi cchi cos' l'amuri!


Uurtima cosa chi vuogghiu lassari,

la lassu a li putenti di la terra,

cci lassu di putrisi accurdari

di stari 'npaci e di nun fari guerra!


Eccu... nun c' cchi nenti d'addutari

e suddisfattu ormai puozzu murri,

ed'a cu chianci ca nunn'appi nenti

cci lassu... quattru pirita fitenti!


E ora ca finu d'addutari,

ora ca sugnu juntu a lu finiri,

facti na vampata p'abbrusciari

sta carugnazza di Carnilivari!


Finutu e l'attu! Cu m'av'a pagari?

Poviru minchia! Unn'ha caputu ancora,

ca furbu pi com' Carnilivari,

pigghia pi fissa puru li Nutara?!


Cirin


(da Poeti per caso, antologia poetica di autori vari aliesi, pubblicata a cura del Comune di Alia - Grafiche Renna  Palermo, 2002 -)


Viste 3048 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali