JOHN WIND J o h n W i n d

Friddu lu cielu, asciuttu lu matinu,
cuomu la burnìa, ora vacanti,
unni, lu meli, la nanna, mittìa,
cu tutta la vrisca, ca lu nannu,
a l'amata Rusina purtava,
e d'iddu eranu rosi ">

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 14/03/2010
<b>JOHN WIND</b>

JOHN WIND

J o h n W i n d


Friddu lu cielu, asciuttu lu matinu,
cuomu la burnìa, ora vacanti,
unni, lu meli, la nanna, mittìa,
cu tutta la vrisca, ca lu nannu,
a l'amata Rusina purtava,
e d'iddu eranu rosi e puncigghiuna,
la vuci, di cori, di lu Vientu,
chi invita a nozzi lu cavaddu biancu,
cu imenta bianca, a mo' di Biancanivi ,
l'aria ti tagghia cu lu diamanti
chi lu vitru 'ntaccava , pi' l'infissi,
la manu ritta di lu Zzì Pippinu,
cuomu, cu lu cutieddu, mortadella,
e lu suli, acchianannu pi' li spaddi,
sciaqquati e friddi, di sta matinata,
tu viri ca un nitritu t'intinnìa
e nnì dda cubba di cielu si stampa,
cuomu nna lu cori di li viesti,
cu puzza d'arsu, un BA si stampava,
davanti a la firrarìa di li Firrara,
chi pristavanu, a Pietru, a lu Signuri,
nni La Santa Simana di Passioni,
e di firraru nni facianu Apuòstulu
e atturi, ca 'un c'è pari, di Martuoriu,
nni li iorna, luntani, di la merca
ca, d'agr'e duci, lu sapuri ànnu…

Didacus


Viste 3764 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali