Rapparini plums Urfa marmalade sandwiches

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
DIDACUS DIDACUS Pubblicato il 03/10/2012
<b>Rapparini plums Urfa marmalade sandwiches</b>

Rapparini plums Urfa marmalade sandwiches

Rapparini plums Urfa marmalade sandwiches

Adopt the pace of nature: her secret is patience.
(Ralph Waldo Emerson)



Si gghiti a la Urfa, pi li Grutti,

zibbibbu, anzoli e cirrinciuolu,

la cuba, li thòloi e li vuòi,

e pi tutti li frutti e li prodotti

ca stu fieudu, incantatu, elargisci,

e di natura e di manifattura,

di lu Miocène a lu Dumileddùdici,

e li turisti nni puonnu fruìri,

senza bisuognu di Bed and Breakfast,

di lu Water Closed, semmai,

c’è di ringrazziari Dominiddiu,

grecu, romanu, àrabu, cristianu,

e a lu so’ disìu, starisìnni,

ca tutti chisti bounties cunsenti

a li so’ criaturi, nna li sèculi…


Ma, si a ottobbri, li Grutti, visitati:

la tholos, la sala saracina,

e susu acchianàti, malandrini,

e di li finestri, a facci di suli,

cu lu sintimientu di un Ciclopi,

osservannu lu vastu panorama,

guardati avanti, a destra e a sinistra,

uschiannu cu ll’uocchi, li delicàcies,

di vigni e pali di ficurini,

pinsannu a mustardi e vinu cuottu,

senz’altru, vi veni di taliari,

pieri d’arvulu, cu cosi chi pienninu

cuomu rappi di minna di vacca…


E si si amanti di bio e organic,

e la marmalade, fari vuòi,

e sanguiggeddi di sliced loafs,

di marchi nustrani o stranieri,

chistu è lu tiempu pi cogghiritilli:

semplici è la ricetta o la rècipe:

nun li lavàvanu li Saracini,

pi ‘un cci fari pèrdiri lu zùccaru,

un tantu di duci, a uocchiu e cruci,

e cuoci fin’a quannu ‘ncilippa…


Lu sèguitu apparteni a cosa nostra…


Cugghiti, puru, vi lu dicu ia,

si ‘un è nni mia, è nni lu zzi ‘Nnirìa…

Lu veru piccatu contro natura,

chi grida minnitta di fronti a Ddiu,

è chiddu di fari pèrdiri stu beni…


Didacus


Viste 1386 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali