lu urdinaru e la so’ riétina . Lu urdinaru era chiamato così proprio perchè il suo compito fondamentale era quello di ordinare, o ">
250ml dressing based on Extra Virgin Olive Oil and Lemon from Organic Farming

250ml dressing based on Extra Virgin Olive Oil and Lemon from Organic Farming

Visita il nuovo store di vendita online di prodotti agroalimentari siciliani www.shop-e.it

Radici & Civiltà

Nuovo Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali: aggiornamento informativa. Leggi Regolamento Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformità alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
Pubblicato il 11/10/2005
<b>lu urdinaru e la so’ riétina</b>

lu urdinaru e la so’ riétina


    Forse pochi di voi ricorderanno e molti altri forse non conosceranno affatto la figura di "lu urdinaru ". Lu urdinaru era chiamato così proprio perchè il suo compito fondamentale era quello di ordinare, o meglio, coordinare le "riétine" dei muli che, in estate dovevano trasportare i prodotti della terra dagli appezzamenti dei ricchi possidenti - nobili o borghesi - , ai magazzini degli stessi: in inverno, invece, trasportavano le sementi.
    I muli - che ovviamente non appartenevano agli "urdinara " ma ai loro padroni - procedevano in fila indiana legati uno dietro l'altro con una grossa corda, da qui il nome "riétina". Ogni "riétina" era composta da circa 9 muli di cui otto erano adibiti al trasporto dei frutti della terra - grano, orzo, fave, ecc..- , che venivano posti in grosse "visazze" e "visazzotte" e queste a loro volta, sulla schiena dei muli; il nono mulo, invece, detto "caporétina", trasportava "lu urdinaru" .
    Il mestiere dell’ "urdinaru" era molto duro: si soleva dire che "s 'avia 'a susiri di stidda in stidda", infatti si metteva in cammino appena "affacciava la puddara" - il piccolo carro - e si ritirava alla "stidda di l'Avi Maria". In verità non dormiva quasi mai . A sera, fatti rientrare i muli nella stalla, doveva pensare prima al loro pasto, poi al suo. Cominciava, quindi, a sistemare la paglia nelle mangiatoie e finalmente poteva assaporare il suo tanto atteso piatto di pasta, non senza un sorso di buon vino.
    A questo punto, illuminato da una candela ad "arsolio" - petrolio - , e seduto sul suo morbido letto ..., che altro non era se non "la ghiuttena" - una panca fatta di pietra ricoperta di pelle di pecora -, prima di concedersi il meritato riposo, doveva riparare le "visazze" e le "visazzotte " che, essendo fatte di "lona" - canapa -, potevano anche strapparsi. Per fare questa rammendatura, utilizzava " a zzaccurafa" - un ago molto lungo e grosso - e lo spago.
    Finalmente era l'ora del sonno, muli permettendo!
    Infatti, quelle docili bestioline avevano la simpatica abitudine di cominciare a "trippare", a litigare e a scalciare, finchè "l’ urdinaru" era costretto ad alzarsi per "arrifriscare" loro la paglia, cioè dare una mescolata alla paglia aggiungendone di nuova.
    Una volta al mese, " l’ urdinaru" aveva la "vicenna" , un giorno in cui gli era concesso di tornare a casa, anche per cambiare i propri, ormai, sudici abiti.
    La sua retribuzione era "lu partutu" che consisteva in un tot di olio, frumento, pane, formaggio, vino e anche un pò di denaro.
    "Li urdinara" più ambiziosi "armàvano" i muli con "cianciani" , "lanigghi" e "fruntala ", ossia con campanelle. pon-pon di lana variopinta e con cordelle colorate che servivano per adornarne la fronte. Le spese per questi abbellimenti erano tutte a carico dell' "urdinaru " e qualora non le avesse sostenute sarebbe stato giudicato "udinaru tintu "
    La gente poteva percepire da lontano l'arrivo delle "riétine" a causa del rumore delle campanelle e poteva anche distinguere il suono di una "riétina" da quello di un' altra: lo squillante tintinnio delle "riétine" del Cavaliere Guccione - che ne possedeva otto o più - , era facilmente distinguibile da quello più pacato della "riétina" di donna Nina Guccione.
    A questo punto avrete certo capito quanto fosse sacrificato il nostro urdinaru , era però rassegnato e la durezza del lavoro nell'atmosfera bucolica dei nostri monti, non poteva che trasformarsi in poesia:
    "Guarda chi vita fa lu urdinaru,
    'ca notti e jornu camina a lu scuru,
    metti a pigghiari capizzi di li mura,
    e la so vita è sempri china di dulura".
    di Laura Seragusa
    pubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.1/96, pag. 6




Viste 4169 - Commenti 0
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali