SICILIA

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
GUCCIONE ROMUALDO GUCCIONE ROMUALDO Pubblicato il 23/10/2005
SICILIA

SICILIA

Sicilia bedda mia, terra d'amuri!
Si fussi n'pueta di granni valuri, trovassi certu li paroli adatti e no sti versi scarsi e malufatti,pi diri ca ti vogghiu tantu beni e quannu tu mi manchi soffro peni. Ma sennu scarsu, chi ci pozzu fari? Ti cantu cu la vuci di lu cori.Si comu na gran fimmina biata, ‘nta l'acqua di tri mari stinnicchiata:hai misu di traversu pi cappeddu, lu gran Vulcanu di lu Mungibeddu; ti fannu di curuna e di decoru,limuna e aranci di la Conca d' oru:lu Suli ti fa lustru e ti quadìa, lu Mari t'arrifrisca e t'arricrìa. Cantu l'aceddi, l'arvuli, li sciuri,li rari frutti e di bonu sapuri, li vigni cu li rappi a pinnuluna. Lu vinu bonu ca fama ti duna, lu celu azzurru, l'aria profumata ca cchiù bedda ti fannu e disiata; la zagara, li mennuli gustusi; li to' abitanti boni e laboriusi, li to' figghi luntani a la strania e cu è luntanu e tantu ti disia. Ca sugnu figghiu to', nni portu vantu, si viu cu ti fa mali, soffro tantu; e puru si la vita tiru a stentu sulu vicinu a tia sugnu cuntentu. Sicilia bedda mia! Iu t'amu tantu! Ti pensu, scrivu, e mentri scrivu cantu!

di Sasà Ferrarapubblicato in " La VOCE della Mamma " di Alia, nr.3/99, pag.4


Viste 3152 - Commenti 0