Pubblica

Poesie Siciliane

SIRECI PIETRO SIRECI PIETRO Pubblicata il 21/10/2010

`A "SIMANA CICLOTURISTICA"

Munta n’sella, sunnu l’ottu. “Pronti?! …Via!”.
Oj, duminica, m’passeggiata jamu a Mondellu.
Partennu du’ «Villaggiu», attraversamu Palermu:
via Libertà, Politeama, Massimu, …
Poi i faldi di Muntipiddirinu e a Favorita.
Puru a settembri c’è tantu suli, tanta vita.
Bedda spiaggia. ‘U lidu è ancora chinu di bagnanti.
Cchiù tardu, ‘i Sferracavaddu e Isola
rientramu pi’ lu pranzu tutti quanti.

Lunedì, nn’acchianata ‘i Murriali:
- “Rosalia, veni ccà! ca passa ‘a carovana” -
Rosalia, ca avìa nisciutu di lu frigu
‘na coppa di gelatu di cèvusi nivuri
(roba prelibata, roba nostrana),
nesci m’balcuni a vidìri dda sfilata
di bici e magghi di variu culuri.
‘Nterminabili ‘u giru va avanti
e idda resta allibbita finu alla fini,
scurdannusi nne manu, sutta ‘u suli,
dda coppa di gelatu.
Quannu s’accurgìu ca comu bibita avìa divintatu,
sa vippi pi rinfriscarisi comunque
e davanti all’ultimi ciclisti
tuttu ‘u visu di nivuru apparìu mascariatu.
Nna ‘dda città normanna,
davanti a ‘lu famosu Duomu,
c’è la sosta e premiazioni.
Di ddà supra vidi Palermu
tra ‘lu mari e ‘na corona di muntagni.
…Dda c’era prima tutta la Conca d’Oru!

‘U camiuni cu li bici e i pullman cu i ciclisti,
giovani campiuni anche mondiali, i parenti, i spettaturi,
e i machini di lu staff, nomi ‘nternazionali d’anni ‘50,
sunnu ‘ncamminu martedì matina pi lu Parcu di li Madonii.
Posti belli, lustri e frischi, fatti apposta pi’ turisti.
Da Pulizzi, oj n’festa, si pedala m’passeggiata
alla volta ‘i Petralia e n’agonistica pi’ lu Chianu da’ Battagghia.
- “Chi ran sorti ‘i sirpintuni sta passannu ‘mmezzu ‘e voschi!” -
dicinu l’aceddi ca, alluccuti,
alti nnò celu, pi’ ddu uri, restanu muti.
Poi si scinni pi’ Collesanu e Campofelici,
o fra i jardini ‘i Caltavuturo o i sorgenti di Sciddatu,
ci si ritrova pi far festa alla spiaggia i’ Cefalù.

E’ mercoledì e si va a Casteddammari,
a Scopellu e a S. Vitu.
Splendidi spiaggi, sabbie d’oru,
suli smaglianti. Beddi negozi e ristoranti.
Di sira, riturnàti a Città du’ Mari,
jamu tutti ‘ngiru pu’ villaggiu.
S’abballa. C’è animazioni
all’anfiteatru, e ‘n’terrrazza ‘o piano bar.

‘Stanotti si fa cchiù tardu,
tantu giovedì matina nun c’è gara.
‘O rientru ‘n’camera si po’ fari
‘na gara ‘n’coppia, di ‘nu sport universali.
Si munta …ma nun c’è la bicicletta.
Si percurri ‘u... territoriu, fra distesi, collini,
‘nsenature e alture varie.



Ci si ferma dunni si desidera di più.
(E’ ‘nutili precisari, l’amuri è essenziali).
Nun c’è fretta: si vinci ‘u primu premiu
quannu s’arriva ‘o traguardu n’dui.
‘A matina si va ‘n’spiaggia, nnè campetti:
scket, spinning. In mountain bike
o ‘n’piscina all’acqua-gim.

‘O venerdì, quinta e ultima passiata,
pi’ li vigni e i paisi di S. Giuseppi e Partinicu,
Giardineddu, Chiana Albanesi e S. Cipirreddu.
La passiata è chiamata propriamenti “la via del vino”.
Si ricorda ca’ - nonostanti i corridori, ‘u staff,
la scorta di motociclisti e tuttu ‘u restu,
vidinu spissu passiari pi’ strati d’ogni situ
tante bedde picciotte ca fannu girari la testa -
nna cchiù di 25 anni nun s’è mai verificatu
ca qualcunu abbia inveci ‘mboccatu
‘a cosiddetta… via di l’acitu!

Sabatu matina, doppu ‘a colazioni,
si passa ‘e saluti e si rientra ‘e propri casi.
Avemu passatu ‘na bella settimana,
all’insegna du ciclismu e d’autri sport,
da protezioni civili e du’ turismu.
‘Sta simana è il fiore all’occhiello dei siciliani.
Cuntenti d’avìri gustatu, ‘n bona cumpagnia,
tanti boni piatti tipici, d’ogni paisi e d’ogni via


Letture 1081 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com