Pubblica

Poesie Siciliane

SIRECI PIETRO SIRECI PIETRO Pubblicata il 22/10/2010

L’ULTIMU LUMI A PETROLIU


Pi quasi tri anni nne strati du pajsi, l’operai di don Nino stinnìanu fili e mittìanu fanàli.
O’ tramuntu ‘a genti er’ammantata di misteru, finché lu scuru... si spizzava cu li manu!

‘Na matìna du “vintinovi”, pi san Pietru, ‘u tammurinaru, nna ogni cantunèra,
ca ‘a lu rullu di tammùru a genti s’affacciava e li carusi gli currìanu attornu,
abbanniava a squarciagola: “Sintiiti... sintiiiti... sintiiiitii!... Pi ordini di lu sinnacu...
vi portu a conoscenza ca stasìra... ci sarà n’avvenimentu straordinariu...”.

...(E doppu n’autru rullu di tammùru, già cummigghiatu du’ parlari di la genti)...
...“Tutti li fanàla... e tutti li lampiuna nna li strati du’ paisi...
s’addumerannu davanti e nostri occhi... e a sira vidiri nne facci ni putèmu...”.
‘U vuciàri felici e sbalorditu di tutti li persuni s’attizzò comu na vampa!...

‘A civiltà vendicava ora Caltavuturo, ca di la notti di tempi nna li tenebri era statu.
Nenti cchiù lumi a petroliu, cannìli, lanterni a spassu pi’ li stanzi o puru fora.
Finu ad allura lu pajsi era statu illuminatu sulu di la luna, di li stiddi e di li lampi,
o puru di li fochi d’artificiu pi la festa da’ Madonna du Succursu!...

‘A luci elettrica nne strati e nna li casi, dava iniziu a nova epoca di crìscita.
C’era fora un movimentu vistu mai. ‘A genti parlàva a bassa vuci e cummintàva.
I picciriddi, ca l’annu scolasticu s’avìa chiusu, eranu n’vena di gioia e di risati;
i fimmineddi, poi, fistanti e spinsirati mustravano russi ciràsi appizzàti nta l’arìcchi...

I fimmini, ca add’orariu solitamenti eranu dintra a fari focu pi li pitanzi priparari,
e i masculi, turnati da’ campagna, cummattìanu cu li vièsti nta la stadda,
dda sira inveci eranu fora, davanti ‘e propri casi, affacciati ‘e finistrùna o juti nna li strati,
tutti p’assìstiri alla “prima assoluta” lluminazioni di lu pajsi... scurdatu du Signuri.

Don Nino Sireci, jutu n’centrali cu dui di so’ operai,
era prontu a mannàri tensioni versu i quattru zoni du pajsi.
So frati e l’autri soci, i cuscini Di Stefano, juti a Terra Vecchia e Sutta a rocca,
cu’ panorama sutta l’occhi, pi’, cu’ lu telefunu a manovella, comunicàri manu manu...

Quannu li campani da’ Matrici, du’ Cunventu, da’ Batia e du’ Cullegiu
sunàrunu n’coru i noti ‘i l’Avi Maria, ‘u vucìu d’improvvisu s’acquetò.
Nna ognunu di l’uomini e di li donni a cui eranu aggrappati a chicchi d’uva i picciriddi
incerti ma attenti a li mossi di’ li matri, ci fu comu n’arrestu du’ respiru generali.

Mentri stavanu a taliari ddu puntu misteriusu nno fanàli di la propria cantunèra,
m’provvisamenti tutti l’occhi furun’illuminati da’ luci di li lampadi d’incanto addumati.
Si sintìu allura nall’aria comu un sospiru, n’espressioni di meravigghia e di sollievu,
e fra tutti li cristiani circolò un ringraziamentu silenziusu e un insolitu stupuri.

‘U fasciu di la luci si spannìa nne mura di’ li casi circostanti;
di’ li persuni proiettava longhi ùmmiri n’terra ca di sira nun s’eranu visti mai.
‘A genti era sturduta; poi si sintìu n’applausu ca scruscìa, finu a quannu l’aria fu ‘nvasa
d’un battimanu generali e qualch’“evviva” sparsu ccà e ddà nall’abitatu.

Di lu’ vicinu pajsi di Sclafani e fors’anche di Scillatu,
avennu scortu Caltavuturu di spettaculu mai vistu,
s’allarmaru a taliari ddi “faviddi” ‘nvadiri comu focu,
e lu splendùri n’candescenti di li lampadi proiettati nna’ lu celu.

I persùni s’abbrazzavanu cuntenti; i matri, di gioia chiancìanu e i parguli chiancìanu puru iddi.
Allura surridennu dissiru e figghi: “chi chianci, stupidu!... chista cca è la luci!”,
e pigghiannuli m’brazzu, additàvano cu na manu tisa dda lampada culuràta comu ‘u suli.
I nichi, vidennu sorrìdiri li matri, sorridìanu puru iddi.

Di Terra Vecchia, di Sutta a rocca e di luntanu, cum’un presepi era ‘u pajsi illuminatu.
Anchi Sclafani e Scillatu, nno futuru avrannu purtata da don Ninu a loro luci.
Egli nun si sintìu mai importanti pi sti cosi. La so ricchezza era ‘a so’ famigghia.
Cu la mugghieri e li sei figghi ca studiavano, quann’era a casa gli passàvanu li stanchizzi.

‘U sinnacu, doppu ‘u solenni so discursu, detti ‘a parola a don Nino ca era ‘o latu.
Iddu, a nomi suo, di so’ soci e di so’ forzi, ringraziò commossu ‘u Comùni e poi la genti,
pi la pazienza e pa’ fiducia c’avìanu avutu in lui nna ‘sta fantastica avventura.

‘U parroco, presenti nno palchettu, sollevò solennementi l’occhi o’ celu;
sulle persuni fici ‘u signu di la cruci e cu ‘a manu alzata benedissi lu pajsi.
‘A genti capìu ...chiddu era n’eventu eccezionali ca dava dignità e lustro ai cittadini.
...San Pietro dda sira li porti avìa rapùtu a Caltavuturo versu ‘a moderna civiltà!

Pietro Sireci

Post scriptum:
‘O funerali, a marzu du settantanovi, nna la fudda n’anzianu ebbi a diri:
“Quanta luci don Ninu fici aviri, sulu ‘u Signuri lu potti superari!”.


Gli avvenimenti narrati nella presente poesia in dialetto siciliano sono quelli reali che attengono l’avvento della luce elettrica a Caltavuturo. Alcuni aspetti artistico-descrittivi prendono spunto dall’articolo in lingua italiana di Reporter: “L’illuminazione elettrica” tratto dal brano letterario “Giorni vissuti come se fossero anni”di Liborio Guccione, pubblicato da Assarca.com.

Letture 1211 - Commenti 0
Pubblica le tue poesie
Vuoi pubblicare le tue poesie?
Inviacele al seguente indirizzo di posta elettronica : assarca2001@gmail.com