Li beddi vutazioni

Radici & Civiltà

Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all`impiego di cookie in conformià alla nostra Politica sui cookie  Accetta i cookie da questo sito
SPEDALE MARIO SPEDALE MARIO Pubblicato il 21/04/2006
<b>Li beddi vutazioni</b>
L’eventuale pubblicazione di parziali brani musicali allegati a testi scritti è fatta a titolo di Demo, essendo essa finalizzata a documentare la relativa ricerca della rubrica “Radici & civiltà” non avente scopo di lucro, ma, piuttosto, finalità di libera divulgazione culturale.

Li beddi vutazioni

Pi lu pasqualuni, mminìu a Lalia, na la me’ campagna, ca si trova a “lu pantanu”, pi ghiri a rùstiri li cacocciùli e la carni di crastu.


A prima matina, nun c’era nuddu strata strata; ni la chiazza c’eranu tri cristiani, e na pinnìna di Sant’Anna mancu un cani si vidìa.


Arrivatu a la brivatura di lu voscu, c’era un vecchiu picuraru ca abbivirava li sò armali.
Appena lu vitti, iu cci dissi: “zu Turiddu, unnè cuntentu pi comu ieru li vutazioni? “


Allura iddu mi rispunnìu: ”figghiu miu, cu acchiàna acchiàna, a mia nnun m’interessa , tantu iu lu sceccu fazzu .
“Chi voli diri zu Turiddu,” ? - iu ci dissi -


A sapìri, figghiu miu, ca quannu iu nascìu, nascìu disprizzatu.
Mancu a la scola potti iri picchì li pècuri avìa a guardàri.
Criscìu disprizzatu di li patruna cca mi facìanu zzappari di la matina a la sira.


Minnìu surdatu e sempre disprizzatu fui. Quannu turnaìu di la guerra, mi maritaìu, e sutta patruni minnìu a travagghiari.
Ora ca sugnu vecchiu e mi dunanu quattru sordi di pensioni, sugnu custrettu ancora a travagghiari.


Pì fatti capìri chiuddu chi ti voghiu diri, ti voghiu cuntàri lu cuntu di lu sceccu.


C’era na vota un sceccu cu lu sò patroni ca si truvavanu ‘ncampagna a travagghiari; tutta ‘na vota lu so patruni ci dissi a lu sceccu, “amunì di cursa cà ci sunnu i latri ca ti vuonnu arrubbàri.”
Lu patruni pigghiàu lu sceccu, si misi a cavaddu e cuminciò a dari fracunàti pi fallu curriri chiù forti.


Curri ca curri, u sceccu ca savìa stancàtu, cci dici a lu sò patruni, “ma picchì stamu curriennu?”
“ Comu” - rispunniu lu sò patruni -”nnun capisci cca li latri ti vonnu arrubbari?”


Allura lu sceccu finìu di curriri e accussì arrispunnìu a lu sò patruni: ma a mia chi m’interessa, iu, lu sceccu fazzu. ”


Finùtu di cuntàri, lu zu Turiddu sinnì pi la sò strata ed iu arristai a pinzàri.


prof.Mario Spedale


=================================


Le belle elezioni
Il lunedì di Pasqua, andai al paese , nella mia campagna, che si trova in contrada “pantano”, per andare ad arrostire la carne di castrato ed i carciofi.


La mattina presto, non c’era nessuno nelle strade, in piazza c’erano tre persone, e nella discesa di Sant’Anna non si vedeva nemmeno un cane.


Arrivato al “bevaio del bosco “, vi trovai un vecchio pastore che stava abbeverando i suoi animali.
Appena lo vidi, gli dissi: “zio Salvatore non è contento per come sono andate le elezioni? ”
Lui mi rispose: “figlio mio, chiunque sale (è eletto) a me non interessa, tanto, io faccio l’asino“.
“Cosa vuole dire, zio Salvatore”? - dissi.
Devi sapere, figlio mio, che quando io nacqui ero povero, non andai neanche a scuola perché dovevo badare alle pecore. Sono cresciuto povero e trattato male dai padroni che mi facevano zappare dalla mattina alla sera.


Me ne andai militare e fui sempre disprezzato. Quando tornai dalla guerra, mi sposai ed andai a lavorare sotto padrone; ora sono vecchio e mi danno quattro soldi di pensione, sono costretto ancora a lavorare.


Per farti capire quello che ti voglio dire, ti voglio raccontare “il racconto dell’asino”.


" C’era un volta un asino con il suo padrone che si trovava in campagna a lavorare. Tutto ad un tratto, il padrone disse all’asino, andiamo via di corsa perchè ci sono i ladri che ti vogliono rubare.
Il padrone prese l’asino, montò in sella ed incominciò a dargli legnate per farlo correre ancor di più.
Corri che corri, l’asino che si era stancato, dice al suo padrone: “ma perché stiamo correndo?” “Come non capisci che i ladri ti vogliono rubare”.?
Allora l’asino cessò di correre e rispose così al suo padrone:”ma a me cosa interessa, io faccio l’asino ”."


Finito il racconto, lo zio Salvatore se ne andò per la sua strada ed io restai a pensare.


Viste 4049 - Commenti 1
Iscriviti
ed inizia a pubblicare i tuoi contributi culturali